Post

12 Maggio 2017

Giardini e cortili per "Cantiere 2 agosto"

Un appello ai cittadini bolognesi perché aprano le porte di giardini e luoghi privati per i narratori volontari di “Cantiere 2 agosto”, l’iniziativa di lettura pubblica organizzata dall’Associazione dei Parenti delle Vittime e dall’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna che si terrà a Bologna il 2 agosto prossimo per ricordare le vittime della Strage alla Stazione di Bologna del 1980.

“In queste settimana si stanno selezionando i luoghi dove i narratori popolari coordinati da Matteo Belli leggeranno le storie delle vittime: vorremmo includere anche spazi meno conosciuti come i cortili interni dei palazzi bolognesi o attività private. Facciamo appello ai cittadini che volessero ospitare i narratori e chiediamo che ci offrano la loro disponibilità scrivendo all'indirizzo mail cantieredueagosto@gmail.com indicando nell’oggetto la dicitura ‘Offerta luogo’. Il 2 agosto 1980 la città si strinse attorno ai feriti e ai famigliari delle vittime, vorremmo simbolicamente ritessere quella rete di affetto e solidarietà e per questo facciamo appello a tutti i cittadini, ai negozianti, ai baristi, agli osti, ai negozianti, agli studenti, ai pensionati, affinché stiano vicino ai narratori per supportarli, per portare un po’ d’acqua, per fare sentire la città vicina”, spiegano gli organizzatori in una nota. “Ogni amnesia nasconde una sommaria amnistia: “Cantiere 2 agosto” è il nostro impegno per la memoria e per tenere viva la richiesta di tutta la verità su una strage che ha colpito la nostra democrazia oltre che uccidere persone innocenti e ferire la vita dei loro cari”, spiega Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".