Post

29 Aprile 2017

Bolognina in mostra in Regione

Da quartiere operaio a simbolo del terziario più avanzato. La Bolognina si racconta attraverso le foto di Ivano Adversi che saranno esposte dal 3 maggio al 10 luglio prossimi nei locali dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna in viale Aldo Moro, 50. Il taglio del nastro è previsto per le ore 12 del 3 maggio prossimo quando la Presidente dell’Assemblea legislativa Simonetta Saliera, il Presidente del Quartiere Navile Daniele Ara e l’autore, il fotografo bolognese Ivano Adversi, inaugureranno la mostra “Bolognina in Regione”, che racconta i cambiamenti del noto quartiere bolognese.

“Abbiamo accolto con piacere l’invito del Quartiere Navile, di Adversi e dell’Associazione Terzo Tropico perché ci pare giusto raccontare la storia di una delle parti centrali di Bologna, di uno dei quartieri che ha vissuto molti cambiamenti negli ultimi anni e che merita molta attenzione da parte delle Istituzioni”, spiega Saliera. Dal canto suo il Presidente del Quartiere Navile Ara racconta così il senso della mostra: “Che cosa è la Bolognina oggi e su quale nuovo patto fra cittadini e Amministrazione possiamo investire per il futuro? Questo è l’interrogativo di questi anni complicatissimi ma esaltanti al tempo stesso. La deindustrializzazione fa sì che si aprano dei vuoti da riempire con nuove funzioni, cercando di densificare il tessuto abitato e creando nuove centralità verdi e di aggregazione; e nuove funzioni economiche, che attirano la conoscenza e il meglio delle città intelligenti”. La mostra sarà visitabile gratuitamente fino al 10 luglio dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19.

Post

21 Ottobre 2019

Solidarietà ai rider bolognesi licenziati via sms

"Il lavoro non è solo salario, ma dignità della persona umana: la drammatica vicenda dei riders bolognesi licenziati offende i valori stessi della nostra Costituzione".

18 Ottobre 2019

Successo per l'inaugurazione della mostra della Consulta fra le antiche arti bolognesi

“E’ una mostra chiara e semplice che dovrebbe essere molto presente nelle Istituzioni perché è un corso di formazione per la politica di oggi: guardandola si imparano molte cose e soprattutto come proseguire nella valorizzazione della nostra storia”.