Post

27 Febbraio 2017

Solidarietà di Auser per le zone del terremoto nel centro Italia

Solidarietà targata Auser per le popolazioni colpite dal sisma nell’Italia centrale dello scorso agosto.

Mercoledì prossimo 1 marzo 2017, alle ore 11 dal piazzale antistante l’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna in viale Aldo Moro, 50, si raduneranno le tre auto Fiat Panda 4x4 che Auser Emilia-Romagna ha acquistato grazie alle donazioni raccolte tra i cittadini e che saranno donate alle Auser di Lazio, Marche e Umbria, le regioni colpite dal terremoto del 2016, perché i volontari Auser possano svolgere attività di accompagnamento sociale nei Comuni colpiti dal terremoto. Alla partenza delle auto saranno presenti, su invito di Auser, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, e monsignor Giovanni Nicolini, sacerdote bolognese da sempre impegnato nei temi sociali, che impartirà la benedizione al convoglio di volontari Auser. Oltre a Saliera e don Nicolini parteciperanno all'evento Fausto Viviani e Magda Babini in rappresentanza della presidenza regionale Auser . Il giorno venerdì 3 marzo, poi, la “carovana della solidarietà di Auser” arriverà a Rieti dove, alle ore 14,30 in Piazza Cesare Battisti, consegnerà le auto ai volontari locali alla presenza di Enzo Costa, Presidente Auser delle Regioni Lazio-Marche-Umbria, e delle autorità locali. A questo evento Auser ha invitato anche il Commissario Straordinario per la ricostruzione sisma 2016 Vasco Errani.

Post

21 Ottobre 2019

Solidarietà ai rider bolognesi licenziati via sms

"Il lavoro non è solo salario, ma dignità della persona umana: la drammatica vicenda dei riders bolognesi licenziati offende i valori stessi della nostra Costituzione".

18 Ottobre 2019

Successo per l'inaugurazione della mostra della Consulta fra le antiche arti bolognesi

“E’ una mostra chiara e semplice che dovrebbe essere molto presente nelle Istituzioni perché è un corso di formazione per la politica di oggi: guardandola si imparano molte cose e soprattutto come proseguire nella valorizzazione della nostra storia”.