Post

10 Febbraio 2017

Studenti in Assemblea per il Giorno del Ricordo

Studenti di Parma e di Modena in Assemblea legislativa regionale per il Giorno del Ricordo, l'appuntamento dedicato alle vittime delle foibe. A portare il saluto ufficiale dell'Assemblea il Consigliere Segretario Yuri Torri, componente dell'Ufficio di Presidenza.

"L’istituzione del Giorno del ricordo è un'occasione di conoscenza e un percorso di superamento di parzialità e risentimenti, un doveroso tributo a quanto avvenne sul confine orientale della nostra Penisola, in quelle terre da secoli di lingua italiana e che nel corso del ‘900 sono passate traumaticamente di Stato in Stato”, ha spiegato nel suo messaggio di saluto Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna, per la quale "quella delle foibe è stata una pagine brutta della storia europea. Ancora più brutta perché troppo a lungo taciuta, anzi negata. Relegata a effetto collaterale della Seconda guerra mondiale dove l’estremismo titino e stalinista si macchiò delle stesse nefandezze di quei regimi nazisti e fascisti alla cui sconfitta aveva collaborato".

Post

17 Giugno 2019

In Assemblea legislativa abbiamo celebrato il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino

“Ringrazio sentitamente la presidente del Parlamento regionale, Simonetta Saliera, per aver creduto nella realizzazione della mostra e per averla ospitata nella sede dell’Assemblea legislativa: tenere viva la memoria storica sia uno dei compiti fondamentali delle Istituzioni”. Con queste parole il sindaco di Montefiorino, Maurizio Paladini, ha inaugurato questa mattina “1944-2019. La Repubblica di Montefiorino. Un Distretto Partigiano”, la mostra fotografica allestita nei locali dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna per celebrare il 75° anniversario della Repubblica di Montefiorino.

12 Giugno 2019

La Repubblica di Montefiorino 75 anni dopo

Tappa fondamentale per la riconquista della libertà, uno tra i primi esempi di democrazia nell’Italia che combatteva per liberarsi dall’oppressione nazifascista.