Post

24 Gennaio 2017

Taglio del nastro per "Immagini dal silenzio"

Shoah, folla di studenti in Assemblea per l’orrore ‘sotto casa’ di “Immagini dal silenzio” La mostra sul campo di concentramento di Fossoli, promossa da Carpi nel 1955, aperta in viale Aldo Moro a Bologna fino al 24 febbraio per celebrare il Giorno della Memoria. Saliera: “Si riesce a restare uomini dopo questi fatti?”

Musica e fotografie dall’orrore sotto casa (il campo di concentramento di Fossoli, nel modenese) per dire un “mai più” senza retorica all’Olocausto. E’ questa la scelta dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna per celebrare il 27 gennaio, Giorno della Memoria. Davanti a un centinaio di persone- tra consiglieri e dipendenti regionali e moltissime scolaresche delle scuole medie superiori di Bologna- la presidente dell’Assemblea, Simonetta Saliera, ha tagliato stamane il nastro di “Immagini dal silenzio”, la mostra fotografica dedicata alla Shoah, realizzata nel 1955 dal Comune di Carpi e che sollevò per la prima volta nel dopoguerra il velo sulle responsabilità italiane nel massacro degli ebrei. Con Saliera Enrico Campedelli, consigliere regionale e già sindaco di Carpi, Pierluigi Castagnetti, Presidente della Fondazione Fossoli, il Presidente della Comunità ebraica di Bologna Daniele De Paz e Alberto Sermoneta, Rabbino capo di Bologna. L’evento è stato trasmesso in diretta su Facebook live con circa 120 visualizzazioni. La mostra resterà aperta al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle 19 fino al 24 febbraio. “Sono 70 le foto esposte- ha detto la presidente Saliera- di una violenza e crudezza tali che ci fanno chiedere come si possano infliggere tali sofferenze e se si riesce a rimanere uomini dopo questi fatti”. Nel guardarle, ha aggiunto Saliera, cresce “la voglia di capire, comprendere, ragionare, fare i conti, aprire le coscienze degli italiani. Abbiamo voluto non solo ricordare la tragedia della Shoah e rinnovare la più ferma condanna dell’antisemitismo, ma anche rendere merito a quanti nel 1955 ebbero il coraggio di aprire una pagina nuova nella storia della coscienza collettiva di noi italiani”. La mostra fotografica, esposta a Carpi la prima volta l’8 dicembre 1955 ebbe grande risonanza: in un tour per l’Italia fu vista da circa 40.000 persone e oltre 20 delegazioni straniere. “Immagini dal silenzio” sulla società italiana ebbe l’effetto di una scossa ed ebbe il merito di sollevare il velo su un fenomeno, la deportazione, che nel dopoguerra era stato per tanti motivi rimosso, come se l’antisemitismo fosse stato un problema solo tedesco e che tanto il Regno d’Italia, quanto la Repubblica sociale italiana ne fossero stati immuni. Per il Rabbino capo di Bologna Alberto Sermoneta “I giovani devono rendersi conto che ciò che è stato non solo non deve più tornare, ma che potrebbe tornare con il pregiudizio, l’oblio, il disinteresse. E invece conoscendo il passato, offriremo ai giovani un futuro più a colori”. Nella mattinata, prima dell’inaugurazione della mostra, in sala polivalente dell’Assemblea legislativa, centinaia di studenti delle classi V del liceo Copernico di Bologna hanno assistito a un concerto- con, tra le altre, musiche del maestro premio Nobel Ennio Morricone- degli allievi dell’Istituto musicale “Masini” di Forlì.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.