Post

29 Novembre 2016

Un film per l'Europa

Come ogni anno, anche per il 2016/2017, sarà possibile assistere gratuitamente alla proiezione dei film che hanno vinto il premio Lux indetto dal Parlamento europeo sul tema dell'integrazione e cittadinanza europea.

L'iniziativa è stata organizzata da Europe Direct in collaborazione con l'Assemblea legislativa con l'obiettivo di promuovere un mercato cinematografico europeo comune che dia luce a pellicole che stimolino il dibattito pubblico europeo. La rassegna, che presenterà i tre film finalisti di quest'anno, si terrà a Bologna presso il Cinema Lumière, Piazzetta P.P. Pasolini 2/b. Primo appuntamento venerdì 2 dicembre alle ore 20 con il film “Appena apro gli occhi” (A peine j'ouvre les yeux), della regista Leyla Bouzid (Francia, Tunisia, Belgio, Emirati Arabi Uniti). Seguirà venerdì 16 dicembre alle 19.45, il film “Toni Erdmann”, di Maren Ade (Germania, Austria, Romania) che proprio in questi giorni è stato proclamato il vincitore del Premio Lux dal Parlamento europeo. Infine, il 13 gennaio alle 20 sarà la volta di “La mia vita da Zucchina” (Ma vie de Courgette), di Claude Barras (Svizzera, Francia). L'ingresso è libero con priorità per chi ritira l’invito con coupon presso lo Europe Direct Emilia-Romagna di viale Aldo Moro 36 e lo Sportello Europe Direct del Comune di Bologna (Piazza Maggiore 6) o lo scarica dal sito web, fino a esaurimento dei posti disponibili. L'accesso con coupon e ai posti riservati sarà consentito fino alle 19.50.

Post

26 Marzo 2019

Cordoglio per la scomparsa del sindaco di Loiano

"A nome mio personale e di tutta l'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna esprimo le più sentite condoglianze per la scomparsa di Patrizia Carpani, sindaco di Loiano. Amministratrice seria e innamorata della sua comunità, il Sindaco Carpani lascia un grande vuoto. Ai suoi cari, a quanti l'hanno conosciuta vanno le nostre più sentite condoglianze".

26 Marzo 2019

Condanna per il vandalismo ai danni della targa in ricordo delle vittime della Uno Bianca

"Si tratta di un grave sfregio a tutta la città di Bologna, un'offesa alle vittime e ai loro famigliari e a quanti credono nella democrazia e nella civile convivenza. Bologna non dimentica la barbarie e la violenza degli efferati omicidi della banda criminale della Uno Bianca. A Rosanna Zecchi, a tutti i famigliari delle vittime va tutta la nostra più sincera vicinanza, certi che i responsabile di questa viltà verranno individuati dalle autorità competenti e puniti".