Post

17 Novembre 2016

Svastica a Bologna, la condanna di Saliera

"La presenza di simboli neonazisti sui muri di Bologna è da condannare senza appello e senza remore: purtroppo troppe volte negli ultimi mesi, infatti, la nostra città è stata scenario di atti vandalici, scritte e sfregi che rimandano a un passato grave e che non appartiene ai valori della nostra democrazia repubblicana".

Così Simonetta Saliera commenta la notizia diffusa dall'agenzia di stampa Dire che racconta come sulla sede del consolato d'Austria a Bologna sia comparsa una svastica. Sempre a Bologna, tra l'altro, nei mesi scorsi più volte, inoltre, era stata danneggiata la lapide che ricorda Romagnoli, partigiano ammazzato nel capoluogo emiliano dai nazifascisti durante la II Guerra Mondiale.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.