Post

7 Novembre 2016

I problemi delle carceri e il grazie a Desi Bruno

"In Emilia-Romagna la presenza di stranieri nelle carceri supera il 40%. L'espulsione non e' la soluzione, occorrono prospettive collegate a formazione e lavoro".

Lo ha detto la Garante regionale dei detenuti, Desi Bruno, in occasione dell'iniziativa "Diritti e dignita' nell'esecuzione della pena", giornata di formazione per operatori e volontari del circuito dell'esecuzione penale. Bruno ha tra l'altro evidenziato che "amnistia e indulto non sono all'ordine del giorno, non abbiamo riscontrato condivisione da parte del ministero della Giustizia". E ha appoggiato la partecipazione: "Sarebbe per noi una grande conquista - ha detto - introdurre in Emilia-Romagna la rappresentanza dei detenuti, in qualche carcere viene gia' fatto, ma non nella nostra regione". Inoltre, per il regime delle celle aperte - ha aggiunto - "sarebbe una rivoluzione copernicana se venissero attivate opportune attivita' parallele". Bruno ha anche portato un messaggio della presidente dell'Assemblea legislativa, Simonetta Saliera: "troppo spesso i problemi strutturali e le difficolta' economiche - rileva la presidente - vengono utilizzati come alibi con cui finiscono vanificate le volonta' e le progettualita' piu' promettenti, quelle che tutti i giorni servono dentro e fuori il carcere per costruire un ambiente piu' attento e rispettoso nei confronti della dignita' e dei diritti di tutti coloro che, a vario titolo, vivono la pena". Cio' accade, rileva Saliera apprezzando i volontari, "anche perche' con grande frequenza i ruoli, le relazioni, le esperienze di questi interlocutori non sono condivise, non ci si confronta con il leale intento di conoscersi, capirsi, arricchirsi reciprocamente".

Post

23 Agosto 2019

11 settembre di pace, Daoud Nassar racconta la sua storia

Può una fattoria coltivare la pace? Può un uomo che insegna a non odiare difendersi e superare le difficoltà? Può un uomo che vive nella terra più martoriata dai conflitti parlare di comprensione tra i popoli? Sembra utopia, ma la vita di Daoud Nassar dimostra che tutto questo è possibile: primo non sentirsi vittime, secondo non odiare i propri oppressori, terzo essere costruttore di pace.

22 Agosto 2019

Legambiente premia i vini bolognesi

I vini bolognesi conquistano la Festa di Legambiente. Nel corso della XXXI edizione di FestAmbiente, la tradizionale kermesse organizzata dalla più importante associazione ambientalista italiana, che si è svolto a Grosseto nel cuore dell'estate due aziende vinicole bolognesi hanno conquistato il podio iridato: si tratta della Tenuta Santa Cecilia di San Lazzaro di Savena che è stata premiata per il suo "pignoletto frizzante", e l'Azienda Tomisa sempre di San Lazzaro di Savena, premiata per il suo Barbera Emilia.