Post

10 Ottobre 2016

Biodiversità in mostra in viale Aldo Moro

Una mostra itinerante, curata dal ministero dell'ambiente in collaborazione con Federparchi, per contrastare l'idea che la biodiversita' sia un tema per appassionati e specialisti.

E' 'A passi di biodiversita'' che, dopo il debutto nel complesso del Vittoriano a Roma ha iniziato il suo viaggio per l'Italia dalla sede dell'assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna. A tagliare il nastro, il ministro dell'ambiente, Gian Luca Galletti, insieme alla presidente dell'Assemblea, Simonetta Saliera e all'assessore regionale all'ambiente, Paola Gazzolo. "Sono orgoglioso - ha detto Galletti - che la prima tappa sia stata casualmente Bologna e la Regione Emilia-Romagna. Il ministero da' una grande importanza a questa mostra. Abbiamo messo i parchi al centro della nostra attivita' perche' li consideriamo un grande strumento di conservazione e sviluppo. Le famiglie e le imprese puntano sui loro asset strategici forti. E i parchi sono uno degli asset strategici del Paese. I parchi rilanciano i territori all'interno dei parchi stessi". L'esposizione e' composta da fotografie, pannelli illustrativi, istallazioni multimediali e prevede laboratori didattici per le scuole, il tutto ruotando intorno ai piu' suggestivi paesaggi italiani. Un percorso che mostra le buone pratiche messe in campo ogni giorno dai parchi nazionali e dalle aree marine protette per salvaguardare la biodiversita'. Anche in vista della prossima Conferenza mondiale sulla biodiversita' biologica, in programma in dicembre in Messico, a Cancun. "Questa mostra - ha detto Saliera - e' un'occasione unica, di altissimo livello culturale. E' l'occasione per far riflettere cittadini e ragazzi delle scuole per farli ragionare sul tema della biodiversita'". La mostra rimarra' aperta al pubblico fino al 9 novembre con la speranza, espressa da Saliera, di trattenerla un po' di piu' cosi' da farla visitare soprattutto a piu' scuole possibili.

Post

22 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Don Luciano

“La scomparsa di Don Luciano, già parroco di Pianoro Vecchia e Livergnano, è motivo di dolore e di forte dispiacere. Ai suoi famigliari, alla Chiesa di Bologna e a tutti coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato il suo impegno di sacerdote vanno le mie più sentite condoglianze. Ci conoscevamo bene, amava ed era un gran conoscitore di musica in particolare d'organo e aveva una innata curiosità di conoscere il mondo in profondità tanto da studiare diverse lingue come il russo proprio per capire a fondo le persone, la loro vita e le loro profondità. Le nostre zuppette alle 23 di sera erano farcite di musica, pittura antica e racconti di vite nei diversi mondi”.

12 Ottobre 2021

Cordoglio per la scomparsa di Sante Tura

"Scienziato di grande livello, medico di stimato valore. Con Sante Tura scompare uno dei bolognesi più illustri, capace di essere appassionato pioniere nel campo della ricerca".