Post

9 Settembre 2016

Cordoglio per la scomparsa dell'ex consigliere Antonio Nervegna

"La scomparsa di Antonio Nervegna è motivo di dolore per tutti noi. A nome dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna esprimo ai suoi cari, a chi l'ha conosciuto e a quanti hanno condiviso con lui l'esperienza politica, le più sentite condoglianza.

Se ne va un politico coerente con le proprie idee e che ha sinceramente svolto con dedizione gli incarichi politici ricoperti e che per molti anni ha ricoperto con passione il proprio mandato di consigliere regionale dell'Emilia-Romagna". Così Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, ricorda Antonio Nervegna, ex consigliere regionale e Presidente della Commissione Bilancio di viale Aldo Moro, morto questa notte a 65 anni. Dopo una militanza nel Partito Repubblicano Italiano per il quale fu anche assessore nella giunta tripartita Pci-Pri-Psi di Meldola, Nervegna nel 1993 aveva preso contatti con il gruppo promotore di Forza Italia e ne era stato fra i primi fondatori in Romagna. Da quel momento Nervegna ha seguito per oltre 25 anni la militanza politica e amministrativa passando dal consiglio provinciale per due mandati, al consiglio regionale per due legislature fino al consiglio comunale di Forli nel quale era stato eletto nella primavera del 2009 e fino al 2014. "Rispettato anche dagli avversari e stimato per il suo impegno, lascia un vuoto molto grande in tutti noi", sottolinea la Presidente Saliera.

Post

21 Ottobre 2019

Solidarietà ai rider bolognesi licenziati via sms

"Il lavoro non è solo salario, ma dignità della persona umana: la drammatica vicenda dei riders bolognesi licenziati offende i valori stessi della nostra Costituzione".

18 Ottobre 2019

Successo per l'inaugurazione della mostra della Consulta fra le antiche arti bolognesi

“E’ una mostra chiara e semplice che dovrebbe essere molto presente nelle Istituzioni perché è un corso di formazione per la politica di oggi: guardandola si imparano molte cose e soprattutto come proseguire nella valorizzazione della nostra storia”.