Post

12 Luglio 2016

Fiera di Bologna, vigilare e sviluppare

"L'apertura delle trattative tra sindacati e proprietà è senz'altro una notizia positiva perché riafferma la logica del confronto e della concertazione tra parti sociali e non quella dei blitz e dei diktat. E' una svolta frutto della stretta collaborazione tra forze politiche, sindacati dei lavoratori e Istituzioni.

Ora, in primo luogo le Istituzioni, devono vigilare e adoperarsi perché si arrivi a un accordo che salvaguardi livelli occupazionali e relativa qualità e allo stesso tempo la Fiera di Bologna, che è strategica per il nostro territorio regionale e per l'intera Nazione. La Fiera deve avere un piano industriale serio, volto allo sviluppo del territorio e non solo alla logica dei dividendi. E' un compito arduo e difficile, ma indispensabile per essere all'altezza della tradizione di Bologna e in grado di far da volano alla crescita della nostra comunità". Così Simonetta Saliera, Presidente dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna, in merito allo sviluppo della vertenza che riguarda lo sviluppo della Fiera di Bologna.

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.