Post

1 Luglio 2016

Il Corecom è la pubblica amministrazione dal volto umano

“Il Corecom? E’ la pubblica amministrazione dal volto umano”. Così, Simonetta Saliera, Presidente dell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna, commenta i risultati conseguiti dal Corecom nel corso del 2015.

I numeri parlano chiaro: circa 3 milioni di euro restituiti ai cittadini e imprese dell’Emilia-Romagna e quasi seimila procedimenti di conciliazione conclusi, con un crescita del 26,74% rispetto all’anno precedente. Nel mese di marzo 2015, la conciliazione ha compiuto undici anni. In quest’arco di tempo la procedura ha registrato un aumento costante: nel 2015 sono pervenute 6.297 istanze (cui oltre 2.000 in provincia di Bologna), 219 in più rispetto all’anno precedente, e soprattutto sono stati conclusi 5839 procedimenti, cioè 1232 in più, con un aumento del 26,74%, rispetto al 2014. Per quanto attiene la tipologia di esiti delle conciliazioni, si sono registrati 3.348 accordi in udienza (57,33%), 53 accordi parziali (0,90%), 995 estinzioni della materia del contendere (17,04%), 905 mancati accordi (15,49%), 257 mancate comparizioni (4,40%). L’esito positivo, anche per il 2015, si è confermato come il dato preponderante, con il 75,27% complessivo. Altro dato positivo attiene alla mancata adesione degli operatori pari allo 0,2% degli esiti, in netto calo rispetto all’1,65% del 2014 e dell’11,55% del 2013. Anche per quel che riguarda l’attività di definizione delle controversie, nel 2015 si è registrato un aumento considerevole rispetto al 2014, perché si è passati da 474 istanze a 633. Per quel che riguarda la classificazione delle istanze per tipologia di rete occorre evidenziare, per quanto riguarda la linea fissa, un aumento nel 2015 con una percentuale del 66,06%, a fronte del 58,23% nel 2014. Relativamente alla linea mobile, invece, si è assistito ad una diminuzione, essendo passati dal 37,45% del 2014 al 31,27% del 2015. In leggero calo anche le istanze riguardanti la Pay Tv, che dal 2,32% nel 2014 passano al 2,00% nel 2015. Cambia anche la tipologia degli utenti, a dimostrazione che cittadini più informati significa cittadini più attenti ai propri diritti visto che la percentuale delle istanze presentate direttamente dagli utenti risulta del 47%, in notevole aumento rispetto al 38,09% del 2014, mentre calano le istanze presentate dalle associazioni di consumatori, che risultano pari al 30% del totale, con una diminuzione del 2,71% rispetto all’anno precedente. Si è assistito, invece, nel 2015 all’aumento delle istanze presentate dagli studi legali, che dal 17,46% passa al 23%. “Il Corecom – sottolinea Saliera – è, dunque, un esempio concreto di quando la pubblica amministrazione non rende difficile la vita ai cittadini, anzi la facilita. Il Comitato è uno degli organismi di garanzia con cui sempre di più vogliamo diventare l’Assemblea dei diritti”. Nel 2015, inoltre, il Corecom Emilia Romagna ha continuato a lavorare, assieme agli operatori della telefonia e assieme ad Agcom, affinché fossero intensificate le azioni “a monte” per abbattere il numero di contestazioni e compensare l’incremento di istanze derivante dalla sempre più diffusa conoscenza del servizio Corecom, da un lato, e dalla crisi economica, dall’altro, che induce i cittadini e le imprese a cercare sollievo anche per importi limitati. Le attività di conciliazione e definizione delle controversie svolte nel 2015 hanno permesso di restituire ai cittadini e alle imprese emiliano-romagnole un totale di circa 3.000.000 di euro, una cifra che supera abbondantemente il costo complessivo della struttura del Corecom.

Post

21 Ottobre 2019

Solidarietà ai rider bolognesi licenziati via sms

"Il lavoro non è solo salario, ma dignità della persona umana: la drammatica vicenda dei riders bolognesi licenziati offende i valori stessi della nostra Costituzione".

18 Ottobre 2019

Successo per l'inaugurazione della mostra della Consulta fra le antiche arti bolognesi

“E’ una mostra chiara e semplice che dovrebbe essere molto presente nelle Istituzioni perché è un corso di formazione per la politica di oggi: guardandola si imparano molte cose e soprattutto come proseguire nella valorizzazione della nostra storia”.