Interventi

19 Settembre 2011

Feste patronali, un bene condiviso

Feste patronali, un bene condiviso
 


19 settembre 2011 – Il Resto del Carlino
 

Intervento di Simonetta Saliera

 

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna
 
Concordo con quanti hanno denunciato come la proposta del governo di "normare per legge" la storia civile e religiosa del popolo italiano attraverso la soppressione e l'accorpamento di alcune festività come quelle patroni dei Comuni e, nella prima versione del decreto poi modificata dal Parlamento, lascia allibiti e denuncia la miseria ideale di chi l’ha proposta.

La vita sociale delle comunità civili si basa soprattutto su momenti condivisi in cui si sviluppano la storia, lo stare insieme nel dì di festa e l'identità collettiva di un popolo. Questo vale tanto per le festività religiose e patronali, tanto per quelle che, più che laiche, mi piace chiamare costituzionali perché festeggiano punti fermi dei valori della nostra Costituzione: il 25 aprile la libertà dall'oppressione, il Primo Maggio la dignità del lavoro, il 2 giugno la Repubblica democratica che ha affermato l'uguaglianza di tutti i cittadini in fatto di diritti e doveri. Hanno ragione, dunque, i tanti (sindaci, autorevoli ecclesiastici anche della Curia di Bologna), che hanno messo in guardia dal cancellare feste patronali e feste costituzionali, perché così, in nome di risibili e ridicoli risparmi e presunti aumenti produttivi, sì colpisce la nostra storia civile comunitaria.

Post

17 Gennaio 2019

In Assemblea la tragedia delle vittime della Uno Bianca

Cosa si legge nelle carte del processo sulla vicenda della banda della Uno bianca? Qual è la verità storica e quella processuale? A parlarne agli studenti di conCittadini dell’Assemblea legislativa il sostituto procuratore di Bologna, Valter Giovannini, in un incontro organizzato lunedì prossimo, 21 gennaio, alle ore 9.30 nell’aula magna della Regione in viale Aldo Moro 30.

17 Gennaio 2019

Barbarie sotto le Due Torri

Dopo la promulgazione delle leggi razziali i cittadini italiani di religione ebraica divennero italiani perseguitati in patria.Furono schedati dalle autorità del loro Paese che prepararono la strada ai rastrellamenti, alle deportazioni e allo sterminio.