Interventi

10 Agosto 2011

Comuni, così si cambia

Comuni, così si cambia
 
10 agosto 2011 – l'Unità

 

Intervento di Simonetta Saliera

 

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

Ottimizzare le risorse, mantenere alta la qualità dei servizi offerti ai cittadini. È questa la sfida in tempo di crisi e di tagli governativi agli enti locali. È anche per questo che, come Regione Emilia-Romagna, guardiamo con molto favore le fusioni dei Comuni che nascono dal basso. E sosteniamo attivamente le Unioni di Comuni, come momento in cui si mettono insieme servizi e risorse per ottimizzare le risorse e mantenere alta la qualità dei servizi offerti ai cittadini. Per questo, come Regione Emilia-Romagna, siamo stati e siamo al fianco dei cinque Comuni della Valsamoggia che hanno deciso di realizzare un unico Comune: è una sfida importante, è un obiettivo da raggiungere. Per la Regione l’associazionismo tra Comuni è molto importante, anche quando si tratta di Unioni che associano funzioni (personale, vigili, strade, ecc....) per dare maggiori risposte ai cittadini e ai territori. Una via che in provincia di Bologna ha già dato buoni risultati visto che, tra Associazioni, Unioni e Comunità montane, il 53% dei residenti vive in forme associate. Si uniscono funzioni come le entrate, l’ufficio tributi, la polizia municipale, il personale, il trasporto scolastico, la pianificazione urbanistica, e così via.
Tutte attività di back office. Gli sportelli dedicati al pubblico restano dove sono sempre stati. In questi ultimi anni la Regione ha investito risorse importanti per accompagnare questi processi: nel 2010 avevamo stanziato 4,7 milioni di euro, di cui 592mila euro per l’aggiornamento tecnologico degli uffici, con ricadute positive per tutti. Una strada che, nonostante tutte le difficoltà del momento, stiamo proseguendo anche nel 2011 con 5 milioni di euro per i servizi e 2 milioni di euro per le tecnologie.

Post

18 Settembre 2020

I 70 anni di sacerdozio di Don Lorenzo Lorenzoni

Parrocchia di Montecalvo in festa con il Cardinale Matteo Maria Zuppi, per i 70 anni di ordinamento sacerdotale di Don Lorenzo Lorenzoni, il parroco 94 enne che oltre 10 anni ha letteralmente ricostruito la parrocchia alle porte di Bologna e che proprio da sette decenni è in "servizio permanente", prete dalla mattina alla sera sempre in attività.

24 Agosto 2020

Referendum 20-21 settembre 2020: le ragioni del NO

"L'Idea di Pianoro" REFERENDUM DI SETTEMBRE. Abbiamo chiesto un giudizio a Simonetta Saliera, già sindaco di Pianoro e presidente dell'Assemblea regionale: "Torniamo alla Costituzione. Il valore di una Costituzione e la sua efficacia li si misura nell'arco dei decenni. Da troppi anni la nostra Costituzione (che fu il frutto dell'incontro tra le culture democratiche laiche, cattoliche e marxiste, all'indomani dell'immane tragedia della Seconda Guerra Mondiale) è sotto attacco, tenuta come un foglio sospeso sul bordo di un cestino.