Interventi

5 Febbraio 2011

Montagna, ecco quello che serve

Montagna, ecco quello che serve

 

5 febbraio 2011 – l’Unità

 

Intervento di Simonetta Saliera

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

 

I problemi del vivere e lavorare nel nostro Appennino tendono ad accentuarsi per effetto della grave crisi economica a cui si somma la totale mancanza di una politica specifica del governo.

Abbiamo investito molto in questi ultimi anni per ridurre le disuguaglianze che ancora persistono tra l’abitare in pianura o in montagna. L’Appennino è quella parte della nostra Regione dove le differenze saltano più agli occhi, lo stato del benessere si indebolisce e, senza investimenti per la difesa del territorio e per lo sviluppo economico e sociale, si rischia un ulteriore spopolamento nelle zone più svantaggiate. Dal 4 al 13 febbraio, il Partito Democratico dell’Emilia-Romagna organizza a Lizzano in Belvedere, in Provincia di Bologna, la Prima Festa Regionale della Montagna. L’ottica è quella di divertirsi, di discutere tutti i problemi attinenti alla valorizzazione dell’area appenninica. Area in cui vive l’11% della popolazione emiliano-romagnola, 38.000 stranieri (ovvero il 10% del totale degli immigrati in regione). Non c’è una sola montagna, ma tante montagne.
Ci sono zone che continuano a spopolarsi (come accade, ad esempio a Piacenza e a Modena) ed altre che raddoppiano i propri abitanti. Il tasso di crescita naturale è bassissimo. L’indice di vecchiaia media è pari a 2,49, molto maggiore rispetto all’1,70 della pianura. Ci sono zone economicamente sviluppate con forte vocazione turistica ed altre che rischiano la desolazione. È indubbio che per dare la possibilità di sviluppo e condizioni sociali e civili di qualità si debbano dare risposte con politiche integrate e specifiche. La strada maestra imboccata dalla Regione è quella di garantire alla montagna, in termini di armatura civile ed infrastrutturale, servizi e interrelazioni, la riduzione dei fattori di svantaggio per le popolazioni che vi risiedono.
Nel quinquennio 2005-2009 si è intervenuto con fondi regionali specifici per oltre 29 milioni di euro che hanno attivato investimenti per 52 milioni di euro. Negli stessi cinque anni gli investimenti integrati hanno superato i 400 milioni di euro per le politiche di difesa del suolo, sostegno all’agricoltura, al turismo e all’occupazione. Nel prossimo futuro continueremo su questa strada investendo anche nuove risorse per ridurre il divario digitale.

Post

30 Giugno 2022

Cento sfumature di yoga. La ricerca

Pluralisti. Capaci di adattarsi a esigenze di mercato senza perdere l’afflato culturale e spirituale. Ormai così radicati nelle nostre comunità da essere stato in grado di resistere pressoché indenni alla pandemia da Coronavirus, con annesso lockdown. Nel corso dei decenni sono cresciuti: l’obiettivo è il benessere psicofisico delle persone, gli aspetti esoterici sono sfumati sullo sfondo.  

10 Giugno 2022

Cordoglio per la scomparsa di Antonio La Forgia

"Antonio La Forgia è stato prima di tutto un intellettuale, un intellettuale brillante e di sinistra capace di declinare nell'amministrazione i valori di giustizia sociale e l'aspirazione alla libertà. Intelligente, ironico, raffinato e arguto: lo voglio ricordare così, nei tanti confronti e nelle tante discussioni costruttive che abbiamo avuto nella nostra comune vita di militanza politica.