Interventi

25 Gennaio 2011

In ricordo di Paola Manzini

In ricordo di Paola Manzini

 

25 gennaio 2011 – Cerimonia ufficiale in Regione

Intervento di Simonetta Saliera

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

 

Sento il compito affidatomi oggi dal Presidente Errani carico di responsabilità. Ricordare Paola Manzini (nella foto sotto) insieme a persone che hanno avuto l’opportunità di condividere con lei momenti importanti di vita e di lavoro, insieme a molti colleghi e collaboratori che nella scorsa legislatura hanno vissuto con dolore e senso di impotenza la sua malattia, ricordarla a nome del nostro Presidente che di lei aveva profonda stima e a nome di una Istituzione che è stata davvero orgogliosa di Paola Manzini,  mi dice che le parole con cui oggi mi esprimerò sono particolarmente delicate e importanti. Non ho conosciuto bene Paola Manzini e non ho condiviso con lei esperienze politiche o da amministratore. 

Ma ho imparato a conoscerla attraverso i fatti, ovvero attraverso quanto costruito dall’Assessore Manzini per questa Regione, e negli anni precedenti, da quanto realizzato nell’ambito di incarichi ricoperti a livello nazionale. Ne ho colto personalità e spessore da chi di lei ha continuato a parlare. E, come donna -  sappiamo quanto le donne devono dimostrare per intraprendere percorsi simili al suo - ho provato ogni volta ammirazione e fierezza. Molte cose vere e importanti, in diverse occasioni, sono già state dette per ricordare l’esperienza politica e la personalità di Paola Manzini. Alcune credo che siano state capaci di cogliere davvero l’essenza di un’esperienza umana e politica come la sua e di emozionare chi con lei ha condiviso tanto e le ha voluto bene. Penso alle parole del Presidente Napolitano che nei giorni della sua scomparsa hanno descritto Paola a partire dallo “stile del suo impegno”, esempio di “dedizione sempre più rara”, e come “donna poco incline allo scoraggiamento e alla retorica”. O all’intervento di Luciano Violante – tenuto a Roma nell’ambito del Convegno dedicato all’attività parlamentare di Paola -  che ha sottolineato “la correttezza, la modernità e l’essenzialità del suo lavoro” e del suo approccio al lavoro. E che ha voluto ricordarci la sua “energia, spesso travolgente”. O, ancora, penso alle parole di chi ne ha colto l’”esperienza insieme normale e straordinaria”, come ha fatto l’amica Elena Montecchi. Di Paola Manzini mi sembra oggi quasi scontato ricordare l’impegno politico e la passione politica, il senso e il rispetto per le istituzioni che hanno contrassegnato il suo percorso, per molti versi esemplare, e che hanno contribuito a rafforzare la fiducia nella possibilità e insieme nella grande opportunità che abbiamo di lavorare, interpretando le esigenze che le persone esprimono per provare a migliorare la società in cui viviamo. Paola Manzini ha incarnato a tal punto questo approccio alla vita e alla politica che non ho bisogno di sottolinearlo. Ciò che preferisco ricordare sono invece alcune doti, non comuni, che sono state il presupposto di questa esperienza: l’acutezza - perché Paola Manzini è ricordata da tutti  come una persona straordinariamente acuta -  lo spessore morale, la profonda umanità e l’intensità del suo approccio alla vita. Caratteristica quest’ultima che ha segnato l’intero suo percorso umano e professionale e che ha affascinato tutti coloro che hanno avuto la fortuna di lavorare insieme a lei. Due altri aspetti mi sembra doveroso richiamare. Paola Manzini è stata una donna delle istituzioni, un deputato e più volte si è cimentata nella complessità del lavoro legislativo. Nella molteplice dimensione del suo impegno civile e politico, Paola Manzini si è dimostrata sempre capace di intuire e interpretare la necessità di rinnovamento e di viverlo come una grande opportunità, senza timori ma con grande senso di responsabilità. Il secondo aspetto è che è stata costantemente incline ad un’idea di politica aperta: in questo senso è stata una vera rappresentante dei bisogni delle persone, di tutti i cittadini – perché ha saputo ascoltarli -  e del suo territorio a cui è stata sempre profondamente legata. Inoltre credo giusto ricordare Paola Manzini anche attraverso le sue idee e la sua profonda convinzione della importanza  dell’educazione dei giovani e del sapere. Temi a lei  cari e su cui ha potuto dare un contributo da Assessore alla scuola, alla  formazione e al lavoro della Regione Emilia-Romagna.
A questo proposito leggendo alcuni documenti di Paola Manzini  - elaborati proprio in questa fase del suo percorso – ho trovato alcuni brani che mi hanno fatto pensare. Il primo è più generale e riguarda l’importanza che ha l’istruzione nella vita delle persone e pertanto la responsabilità  che ricade su chi ne definisce le politiche.
“I principi-guida della nostra Carta Costituzionale sono ispiratori di una scuola in grado di offrire a tutti pari opportunità” – scrive Paola Manzini. “Le nostre politiche - che hanno come presupposto la promozione dell’accesso alla conoscenza come bene pubblico – in primo luogo devono essere guidate da un imperativo: rimuovere le cause che fanno sì che il principio di uguaglianza sia violato, che l’esclusione dalle opportunità sia dettata da cause non pertinenti. Senza trascurare la qualità dell’insegnamento - al contrario, favorendo sempre più l’innalzamento del livello di istruzione e una diversificazione dell’offerta - occorre porre in essere ogni strategia per assicurare a tutti i ragazzi e le ragazze solide competenze di base, presupposto di un vita sociale e professionale consapevole, gratificante ed equa. L’inclusione paritaria al sapere non contrasta tuttavia con la volontà di riconoscere, premiare e valorizzare l’impegno e le vocazioni. Saper conciliare le pari opportunità di accesso e di successo e il merito credo sia l’obiettivo di una scuola responsabile e consapevole della funzione sociale che deve svolgere. Come conciliare, allora, uguaglianza di opportunità e premio al merito? Con la coerenza: con l’idea dell’eguale rispetto per chiunque, ovvero sullo sfondo di una pratica di eguaglianza garantita da un percorso e un processo educativo che non escluda nessuno”. E un’altra riflessione immediatamente successiva e dedicata al tema del sapere necessario che Paola Manzini ha definito come “quel sapere che è fondamento delle società consapevoli, giuste e coese, quel sapere che è diritto di cittadinanza, quel sapere che è conservazione e trasmissione della memoria, quel sapere che, frutto di continui ripensamenti, forza le frontiere di ciò che è noto, quel sapere “efficace” e indispensabile alla crescita e all’innovazione del nostro sistema economico- produttivo e quel sapere senza il quale è più difficile comprendere ed accogliere saperi altri. Sapere che sempre più coincide con la capacità di saper apprendere”. Parole, quasi imperativi, da cui emerge un’idea di società, di scuola e di equità in cui la nostra Regione continua a credere profondamente. E che avvalorano la scelta dell’Assessore Patrizio Bianchi di istituire borse di studio in memoria di Paola Manzini. In ultimo vorrei solo aggiungere, con grande affetto nei confronti della sua famiglia e in particolare della figlia Giulia, che sono onorata di essere stata incaricata di raccontare che cosa ha significato Paola Manzini per noi, per questo territorio e per questo Paese.

Post

18 Marzo 2019

Il ricordo di Marco Biagi

“Ricordare la figura, il pensiero e l’opera di Marco Biagi è un dovere civile per tutte le Istituzioni. Il suo barbaro omicidio ferisce ancora tutta Bologna, la nostra regione e il Paese e interroga le nostre coscienze. Il dolore per la sua morte non trova pace perché è stata assassinata una persona e inferto un colpo ai valori della democrazia, della tolleranza e del rispetto che sono alla base del nostro vivere comune e della coesione della nostra città”.

16 Marzo 2019

Al via i lavori per il Museo Presidio Ogr in Assemblea legislativa

La storia dell'Officina Grandi Riparazioni trova casa nell’Assemblea legislativa regionale dell’Emilia-Romagna. Procedono infatti speditamente i lavori per realizzare il nuovo spazio espositivo dedicato alla storia dell’OGR di Bologna (oggi Officina Manutenzione Corrente) che dal luglio scorso ha lasciato la storica sede di Via Casarini per trasferirsi in via del Lazzaretto.