Interventi

7 Ottobre 2010

“Dall’Europa un’opportunità per uscire dalla crisi”

“Dall’Europa un’opportunità per uscire dalla crisi”

 

6 ottobre 2010 – Bruxelles

Adriatic Macro region: a new multilevel approach

Intervento di Simonetta Saliera

Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

 

 

È un piacere essere qui a questa importante iniziativa per un progetto comune sia per le Regioni che già fanno parte dell’Unione Europea, sia per quelle che si affacciano sui Balcani e la Turchia.

Si tratta di una positiva esperienza di cooperazione tra di noi. Vogliamo lavorare per la Regione MacroAdriatica-Ionica, per un nuovo modello di cooperazione per risolvere i problemi comuni. Dalla cultura al welfare, dai trasporti al turismo, dalle politiche per la pesca a quelle per i porti è venuto il momento di mettere insieme le nostre intelligenze e le nostre risorse per individuare le priorità su cui investire e dove lavorare. Ci sono dei problemi che si possono affrontare solo in modo unitario.
Questa collaborazione sarà utile per politiche di coesione sostenibili perché si superino gli attuali confini nazionali e si possano risolvere molti problemi concreti delle persone. L’Emilia-Romagna ricopre il ruolo di ponte naturale tra Adriatico e Nord Europa e può contribuire con queste esperienze alla costruzione della Regione MacroAsdricatica-Ionica. L’Emilia-Romagna un forum per aprire un confronto tra società civile e mondo delle imprese per un piano strategico con il quale far riconoscere la nostra MacroRegione Adriatica in tempo utile per accedere ai finanziamenti europei post 2013 che non verranno più dati alle singole Regioni, ma ai progetti tematici e alle Macroregioni. Si tratta di risorse che sono molto utili specie in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.