Interventi

1 Agosto 2019

Un'altra vita

1 agosto 2019 – Saluto di Simonetta Saliera Presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Buonasera, e benvenuti ad assistere al monologo “Un’Altra vita” di Matteo Belli per commemorare le vittime nel 39° anniversario dell’indicibile strage che ha sconvolto la città di Bologna il 2 agosto 1980.

Monologo che fa seguito alle “cartoline ricordo” delle vittime da cui nacque l’anno successivo il “Cantiere” narrazione della vita perduta di ciascuna vittima raccontata da 85 volontari per le strade e le piazze di Bologna e, l’anno scorso, la “Sinfonia dei Soccorsi” con i messaggi di cordoglio e di riconoscimento della solidarietà civile di tutta la popolazione bolognese, inviati al Sindaco Zangheri da tutto il mondo. Infine, quest’anno, non potevamo dimenticarci dei sopravvissuti, dei feriti e di chi nell’inferno della distruzione scavò e soccorse tutti coloro che ne avevano bisogno e di chi ebbe la capacità di organizzarli. Persone che da quel momento hanno visto cambiare tragicamente le loro vite. Persone che hanno riportato traumi profondi che solo oggi hanno trovato la forza di riuscire a riferirci tutto il loro dolore e di come da allora la loro esistenza sia stata diversa. Mi auguro che tutto il lavoro e l’ostinazione che in questi anni abbiamo profuso perché non si dimenticasse mai, perché le giovani generazioni, dalle elementari alle università, venissero a conoscenza della strage perché la verità sia sempre stella polare della magistratura bolognese, questo impegno non venga da nessuno nella futura legislatura abbandonato e che l’Associazione dei famigliari delle vittime sia sempre ben presente. Sono tempi, oggi, che non vogliono ricordare il passato o che tendono a mistificarlo. A voi qui presenti il compito di fare in modo che ciò non succeda. E che le false verità non abbiano mai, né oggi, né domani, il menzognero sopravvento. Un caro abbraccio e per tutti buon ascolto.

Post

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.

17 Gennaio 2020

ArteFiera-ArtCity 2020 con le opere di Pompilio Mandelli

Grande successo per il taglio del nastro di "Dalla figurazione all'ultimo naturalismo", la personale di Pompilio Mandelli curata da Sandro Malossini e allestita nei locali dell'Assemblea legislativa regionale in occasione di ArteCity-ArteFiera.