Interventi

4 Settembre 2018

Dopo Borgo Panigale

Bologna, 4 settembre 2018 – Cerimonia per ringraziare operatori Saluto di Simonetta Saliera Presidente Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna Buongiorno, a nome dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna Vi do il benvenuto alla cerimonia odierna che vuole ringraziare tutti coloro che con tempestività ed abnegazione sono intervenuti nel tragico incidente di Borgo Panigale.

Senza il loro sollecito intervento, il 6 agosto scorso, ci sarebbero state sicuramente conseguenze più tragiche. Oggi le Istituzioni: Regione Emilia-Romagna, Prefettura e Comune di Bologna in rappresentanza di tutta la nostra comunità vogliono elogiare tutte quelle donne e quegli uomini che sono immediatamente intervenuti per svolgere con efficacia e celerità il loro compito. Ci sentiamo tutti in debito di riconoscenza verso queste persone, perché non si sono limitate a fare il proprio dovere, ma hanno riaffermato il valore della solidarietà e della generosità del loro impegno. Hanno saputo dare sicurezza e serenità in una situazione che sarebbe potuta divenire catastrofica. Purtroppo, nella sua storia, Bologna è una città che è stata colpita anche dal cinismo degli uomini e da allora costretta ad imparare a fare i conti con le emergenze e le disgrazie. Le Istituzioni e la democrazia camminano sulle gambe degli uomini: fatti come quelli che stiamo ricordando lo dimostrano. Il 6 agosto scorso è scattata di nuovo nella nostra città quella scintilla che si chiama senso civico, senso dello Stato, senso del dovere e disciplina. Ognuno di voi non ha solo "fatto del bene" intervenendo nell'adempimento dei propri compiti, ma ha, con il proprio esempio, migliorato e ridato fiducia a tutta la società accrescendone il patrimonio di civiltà. E per questo vi ringraziamo.

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.