Interventi

11 Luglio 2010

Intervista a L'Informazione-Il Domani dell'11 luglio 2010

Saliera: al lavoro per realizzare un vero federalismo
"Manovra iniqua, pagano i cittadini"
 

Una manovra «micidiale che metterà in ginocchio i territori. E, di conseguenza, creerà problemi

cittadini. Viale Aldo Moro è lavoro per realizzare un patto di stabilità regionale. Questo il pensiero di Simonetta Saliera, vice presidente della Regione con delega al bilancio.

Saliera, come giudica manovra del Governo?

«La manovra è micidiale sia per la Regione, sia per cittadini, che per le imprese. Noi ci stiamo attivando per capire fino in fondo gli effetti e ricadute».

Che tipo di lavoro sta portando avanti?

«Stiamo facendo un lavoro di approfondimento con gli enti locali per far capire bene a cittadini e imprese gli effetti della manovra».

Resta poi il federalismo regionale che voi da tempo auspicate, in contrapposizione con quello dela Lega Nord.

«Proprio nell’ottica di un federalismo vero e responsabile, stiamo lavorando a norme regionali per realizza un patto di stabilità regionale che permetta di ridistribuire tra Regione ed enti locali quote del patto stesso per permettere investimenti, pagamenti alle imprese in tempi più rapidi in modo che

queste possano reinvestire risorse».

Se non ci saranno modifiche al documento del Governo teme ricadute pesanti per i cittadini?
«La manovra è iniqua e micidiale, ma non si può pensare che si congeli tutto: c’è u mondo di cittadini che ha chieste e bisogni, delle imprese che hanno bisogno lavoro. Noi stiamo pensando a loro, nonostante la manovra e un federalismo che non arriva mai».

Post

23 Gennaio 2020

Apertura straordinaria per ArteFiera in Assemblea legislativa

Apertura straordinaria dell'Assemblea legislativa regionale dell'Emilia-Romagna per ArteFiera-ArtCity. 

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.