Interventi

26 Novembre 2017

Corriere di Bologna di domenica 26 novembre 2017, pagina 1

Giovani e lavoro Servono nuove politiche - Nuove politiche per i giovani di Saliera Simonetta Ripensare le politiche per i giovani. Ripensare un modello di società che ha depauperato il lavoro e i diritti individuali e collettivi. Sulle pagine del Corriere di Bologna di ieri si è dato conto dei numeri, preoccupanti, emersi da uno studio realizzato grazie al contributo e all'impegno del Parlamento regionale.

Come Assemblea legislativa abbiamo voluto realizzare questa ricerca per aprire un varco specifico sui giovani precari. E quello che ne emerge è molto preoccupante: nel corso dei decenni è venuto meno il diritto per il quale il lavoro non è solo salario, ma prima di tutto dignità della persona umana. Dal2oo8 ad oggi, infatti, il mondo è cambiato, la fascia dei giovani è tra le più sofferenti nel trovare un'occupazione gratificante. Con questo lavoro abbiamo verificato e sondato le diverse peculiarità e ora l'Assemblea lo mette a disposizione della Regione intera e degli enti locali, delle forze sindacali e imprenditoriali, perché forse bisogna anche ripensare alcune politiche pubbliche fatte in questi anni e in questi decenni. La nostra regione ha una storia forte di lavoro autonomo, ma ne sono cambiate le motivazioni. Negli anni 5o, ad esempio, a «mettersi in proprio» erano spesso quei lavoratori che erano stati licenziati dalle grandi aziende spesso per motivi di discriminazione politica e sindacale, negli anni 6o-8o chi voleva migliorare la propria condizione sociale ed economica con sacrifici molto grandi ma dettati dalla speranza di più benessere per sé e per i propri figli, ora il lavoro autonomo viene scelto perché non c'è alternativa. Nel volume curato dall'Assemblea emerge anche questo: un quadro a tinte fosche la cui approfondita conoscenza può aiutare anche la stessa Assemblea ad avere spunti e migliorare il rapporto con i giovani e nel nostro quotidiano lavoro politico e amministrativo.

Post

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.

17 Gennaio 2020

ArteFiera-ArtCity 2020 con le opere di Pompilio Mandelli

Grande successo per il taglio del nastro di "Dalla figurazione all'ultimo naturalismo", la personale di Pompilio Mandelli curata da Sandro Malossini e allestita nei locali dell'Assemblea legislativa regionale in occasione di ArteCity-ArteFiera.