Interventi

24 Giugno 2010

Quei 650 milioni che il governo ci vuole togliere

Quei 650 milioni che il governo ci vuole togliere

24 giugno 2010 -  l'Unità

Intervento di Simonetta Saliera
Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna
 
Nessuno mette in discussione la necessità di una manovra, ma quella presentata dal governo è iniqua, inaccettabile: pesa oltre il 50% sulle Regioni, elimina le risorse per servizi fondamentali per le persone e le imprese. Cancella, di fatto, il federalismo fiscale. Infatti, prevede un taglio di oltre 4 miliardi di euro sulle Regioni, 650 milioni per la sola Emilia-Romagna.

Quando si passa dai numeri alle parole, questo significa: meno trasporto pubblico locale, meno edilizia pubblica, meno welfare, minori risorse per il fondo per l’affitto, per quello per la non autosufficienza, per la formazione professionale e per il sistema delle imprese. Ripercussioni negative (anche se non ancora quantificabili) arriveranno anche dal taglio lineare del 10% della spesa dei ministeri. La manovra ricade solo per l’1,2% sul bilancio di spesa del governo, mentre per ben il 13,7% su quello delle Regioni.

Come Conferenza delle Regioni stiamo chiedendo più equità, una distribuzione diversa e più proporzionale dei sacrifici tra il governo centrale, le Regioni e gli enti locali.

Altro segnale negativo arriva al capitolo “federalismo fiscale”, che pure è stato voluto e sostenuto dalle Regioni: prosciugando i fondi delle cosiddette “deleghe Bassanini”, ovvero quelle funzioni che lo Stato ha delegato alle Regioni e per le quali è impegnato a trasferire le risorse concordate, il governo viola un patto con gli enti locali e contestualmente elimina ogni possibilità di realizzazione del federalismo fiscale che, ricordiamolo, a norma di legge deve essere fatto “a costo zero per lo Stato”.

Parlamentari e dirigenti del Partito Democratico e del centrosinistra, sindaci e presidenti delle Province, Presidenti delle Regioni stanno conducendo una seria battaglia perché non siano i cittadini, le imprese, le autonomie locali a pagare i ritardi e gli errori del governo e la sua incapacità di tenere sotto controllo un debito pubblico che a giugno sta toccando il suo massimo storico. Infatti, il governo non investe né in ricerca, né in innovazione, né in futuro: ma nonostante questo il debito pubblico continua a crescere (nel periodo 2007-2009 il contributo dello Stato centrale al debito è stato del + 10,8%, mentre quello delle Regioni è in controtendenza con un – 6,2%).

 

Post

6 Agosto 2019

Cordoglio per i morti sul lavoro a Borgo Panigale

"Non si può morire di lavoro. Esprimo le più sentite condoglianze e la più forte vicinanza alle famiglie dei due operai rimasti vittime dell'incidente sul lavoro di Borgo Panigale. Purtroppo dobbiamo registrare un sempre maggior numero di caduti sul lavoro, piaga della nostra società che va contrastata con forza e determinazione".

4 Agosto 2019

L'Assemblea legislativa "salva" i palstici di Kenzo Tange

I "plastici di Tange" trovano casa in Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. Viale Aldo Moro "salva" così la storia di Bologna.