Interventi

12 Marzo 2015

Intervista al Resto del Carlino del 12 marzo 2015

INTERVISTA A SIMONETTA SALIERA - «BASTA GIUSTIFICAZIONI NOI POLITICI DOBBIAMO STARE PIÙ ATTENTI»

Presidente Saliera, i numeri del dossier parlano di una Regione dove la criminalità organizzata è ormai una realtà. La politica che responsabilità ha? «La politica deve fare di più e smetterla di giustificarsi dietro i non sapevo, prendendo sotto gamba la minaccia della criminalità organizzata. Gli stessi partiti devono fare maggiore selezione all'ingresso, serva improvvisare, creando una cultura della legalità». Graziano Delrio, quando era sindaco di Reggio Emilia, è stato accusato proprio di aver sottovalutato la presenza della 'ndrangheta in Regione. «Non so bene come si sono svolti i fatti, ma se c'è buona fede si può anche inciampare in cose del genere. Noi politici dobbiamo imparare che le persone con cui abbiamo a che fare spesso possono nascondere qualcosa dietro la loro faccia pulita. Dobbiamo cambiare mentalità». Il Partito Democratico che ruolo avrà? «Il Pd deve prendere la responsabilità di preparare le nuove generazioni della politica, che devono imparare cos'è l'infiltrazione mafiosa e come agisce in maniera subdola per inserirsi all'interno della società».

Post

5 Marzo 2021

Dimissioni Zingaretti e crisi Pd

"Le motivazioni delle dimissioni di Nicola Zingaretti da Segretario del Pd e il dibattito che ne è seguito dimostrano come il Partito Democratico sia contorto su se stesso negli opportunismi individuali che nulla hanno a che fare con la storia della sinistra italiana: c'è una totale sordità nei confronti sia di chi ancora ripone fiducia e speranza di futuro nella politica, sia per quell'immensità di popolo che è sempre più povero dal punto di vista economico e con sempre meno opportunità culturali.

26 Febbraio 2021

Cordoglio per la scomparsa di Bruno Pizzica

"Bruno Pizzica è stato un uomo e un sindacalista di grande umanità e impegno: da sempre in prima fila nella difesa dei lavoratori, nella costruzione di soluzioni avanzate e rispettose della dignità della persona quando si parlava di anziani e di welfare. La sua morte mi riempie di dolore: a sua moglie, ai suoi cari, alle compagne e ai compagni della Cgil, a tutti coloro che hanno lottato insieme a lui dedicando una vita ai diritti dei lavoratori e alla costruzione di una società più giusta, vanno le mie più sentite condoglianze".