Interventi

21 Gennaio 2012

Il nostro impegno contro la mafia

Il nostro impegno contro la mafia
 
21 gennaio 2012 – Il Resto del Carlino

Intervento di Simonetta Saliera
Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna
 
L’Emilia-Romagna è da sempre terra nemica della mafia. Lo è perché la nostra corazza istituzionale è solida, lo è perché è solido il nostro tessuto civile, economico e associativo. Eppure i segnali per cui preoccuparsi ci sono tutti.

Autorevoli magistrati, le inchieste delle forze dell’ordine, le parole di persone come don Ciotti, il giornalista Tizian, costretto a vivere sotto scorta perché la sua professione dà fastidio a qualcuno: ogni giorno, come ben ricordava il puntuale articolo di Cesare Sughi pubblicato sul Carlino Bologna, aumenta l’invito a operare per rafforzare i nostri anticorpi. La Regione Emilia-Romagna ha preso sul serio questa sfida: la mafia non la si può rinchiudere in un recinto, si sparge come un virus e gli anticorpi sono soprattutto quelli di prevenzione culturale. Per questo bisogna osteggiare e respingere la mafia come sistema di vita e di lavoro e far crescere un continuamente un cultura ostativa verso questi fenomeni. Insomma, creare un terreno non fertile. Dalla legge regionale per il controllo dei cantieri in edilizia, per gli autotrasporti, per i materiali di cava a quella per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose e la diffusione della cultura della legalità, in Regione sono stati approvati importanti provvedimenti legislativi a cui abbiamo dato applicazione con risorse e impegno. Proprio in questi giorni abbiamo finanziato con oltre due milioni di euro 68 progetti grazie ai quali, tra le altre cose, oltre 20.000 studenti, dalle scuole medie all'università, potranno godere di corsi specifici sulla legalità e la mafia; altri 500 ragazzi potranno visitare terre e beni confiscati alla mafia, mentre per amministratori pubblici e imprenditori sono previsti corsi di formazione. Grazie al contributo della Regione, poi, saranno recuperati due beni confiscati (uno a Berceto, Parma,:l’altro a Lido Adriano, in provincia di Ravenna) che torneranno a disposizione della cittadinanza, mentre a Bologna il Comune in collaborazione con Libera aprirà uno sportello per raccogliere segnalazioni da parte di cittadini e imprenditori su fenomeni di usura e racket e per monitorato l’espansione dei videopoker.

Post

14 Ottobre 2019

"Punti di luce" in mostra a Piacenza

Piacenza, Fiorenzuola d’Arda e Castel San Giovanni: un tris di esposizioni per “Punti di Luce. Essere una donna nella shoah”, la mostra realizzata dall’Assemblea legislativa regionale in collaborazione con lo Yad Vashem di Gerusalemme dedicata alle donne che morirono nei lager nazisti durante la II Guerra Mondiale.

14 Ottobre 2019

La Consulta fra le antiche istituzioni bolognesi in mostra in Assemblea legislativa

Le “Antiche Istituzioni bolognesi” in mostra in Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna.