Interventi

8 Gennaio 2012

Contrasto al bullismo

Contrasto al bullismo

8 gennaio 2012 – l’Unità

Intervento di Simonetta Saliera
Vicepresidente della Regione Emilia-Romagna

Educazione e formazione come prevenzione e risposta al bullismo giovanile. Reinserimento e cultura come via per tornare sulla “giusta strada”.

Uno degli aspetti più odiosi di questo impoverimento delle relazioni interpersonali è quello del bullismo, delle baby gang. Un fenomeno che, statistiche alla mano, è in espansione e contro il quale le istituzioni bolognesi si sono mosse. Regione, Comune e Quartiere San Donato, per questo, hanno dato vita a un progetto “Aggregazioni giovanili: ritrovare la strada. Progetto di prevenzione della devianza” che unirà la prevenzione “in strada” alla riqualificazione degli spazi di Piazza Spadolini. Per sostenere questa attività di prevenzione la Regione ha stanziato 30.800 euro sui 44.000 euro complessivi dell’iniziativa che porterà al monitoraggio dei fenomeni di bullismo, attività di prevenzione, unità mobile di educatori per rimettere sulla retta via i ragazzi che potrebbero prendere strade sbagliate, riqualificazione dell’area di piazza Spadolini e degli spazi verdi adiacenti (Giardino Vittime di Marcinelle/Bentivogli) al Quartiere San Donato, che verrà attrezzato in modo da creare un centro di aggregazione giovanile. E ancora, maggiore presenza delle Forze dell’ordine anche attraverso maggior coordinamento con la Polizia di Stato. Si tratta di un progetto ambizioso, frutto della passione civica delle nostre istituzioni e della nostra società civile, molto importante perché viviamo un grave momento di crisi economica le cui conseguenze sono anche un progressivo incattivimento della nostra società: per questo è compito delle amministrazioni pubbliche intervenire per aiutare le fasce più fragili della popolazione anche attraverso prevenzione e reinserimento.

Post

20 Gennaio 2020

Giornata Memoria 2020: "Dopo la barbarie. Il difficile rientro"

Prima la persecuzione, poi la beffa. Prima l’annichilimento nel lager, poi il perdersi nei meandri di una burocrazia che non voleva minimamente affrontare il tema del post Shoah. Tra pratiche perse e finte rassicurazioni di rito. Tra faldoni alla ricerca del giusto ufficio a cui essere assegnati e un Paese che voleva dimenticare, archiviare per tornare al solito tran tran.

17 Gennaio 2020

ArteFiera-ArtCity 2020 con le opere di Pompilio Mandelli

Grande successo per il taglio del nastro di "Dalla figurazione all'ultimo naturalismo", la personale di Pompilio Mandelli curata da Sandro Malossini e allestita nei locali dell'Assemblea legislativa regionale in occasione di ArteCity-ArteFiera.