Interventi

7 Dicembre 2011

Intervista a Il Corriere di Bologna

"Non alzeremo le tasse per tutto il 2012"
 
Simonetta Saliera, vicepresidente della Regione Emilia-Romagna, come valuta il decreto salva-Italia presentato dal premier Monti?
"Non abbiamo ancora letto i documenti definitivi, ma abbiamo riscontrato alcuni elementi di positività come per esempio sul tema del trasporto pubblico. Anche grazie all'impegno del presidente Errani, c'è stata la promessa di nuovi possibili trasferimenti che dovrebbero assicurare efficienza. Se le cose rimarranno così con l'aumento dell'accise sulla benzina il governo dovrebbe distribuire 100 milioni di euro. Su questo punto non si era arrivati a nessuna intesa con il governo precedente".

Il decreto contiene anche l'aumento della quota nazionale dell'addizionale Irpef regionale. Una dello 0,33% in tutte le buste paga.

"Non è una nostra decisione. E' l'aumento della tassazione che lo Stato redistribuirà sia per sanità e sociale. Non sappiamo quanto verrà distribuito perché dipende dal patto della salute. Ma se si rimane così dovrebbero essere circa 200 milioni".
La manovra va bene così com'è?
"Il nostro auspicio è che diventi più equa secondo il principio chi più ha paghi. Speriamo che la discussione in parlamento vada in questa direzione perché c'è un sistema di coesione sociale fortemente messo in discussione".
E la Regione che intende fare?
"Noi facciamo quello che possiamo e sappiamo bene qual è la situazione in ambito europeo. Ma abbiamo già deciso che per tutto l'anno prossimo non aumenteremo nessuna delle tariffe che sono di nostra competenza".
Sul versante delle imprese?
"Dopo alcuni mesi di lavoro abbiamo approvato una buona legge sulla semplificazione. Abbiamo inserito la certezza della durata dei procedimenti anche legata alle responsabilità dirigenziali. Poi c'è l'uniformità procedurale amministrativa con modulistiche uniche a livello regionale, il divieto di oneri aggiuntivi e di richiedere documenti già in possesso della pubblica amministrazione". 

Post

17 Marzo 2023

Cordoglio per la scomparsa di Domenico Cella

"La scomparsa di Domenico Cella lascia un vuoto profondo nella società bolognese: coerente con le sue idee cristiano-democratiche, Cella, anche nel delicato ruolo di Presidente dell'Istituto De Gasperi di Bologna, ha saputo dare un forte contributo al dialogo e al pensiero bolognese. Ai suoi famigliari e quanti hanno avuto l'onore di conoscerlo e lavorare con lui vanno le mie più sentite condoglianze"

28 Febbraio 2023

Voglio ancora sperare....

26 febbraio 2023: gazebo PD. I due candidati hanno promesso e parlato di tante cose interessanti, ma hanno tralasciato di andare nel concreto su alcune di quelle fondamentali per la vita delle persone come la pace, la ricostruzione della pubblica istruzione formativa ed educativa, la sanità pubblica di qualità accessibile a tutti, quale tipo di lavoro e di previdenza.